menu

Comunicati Stampa & Varia Umanità

28.03.2017

Abbattimento Vele, Bonavitacola: ritardi responsabilità del Comune

Abbattimento Vele di Scampia, dichiarazione del Vicepresidente della Giunta Regionale Fulvio Bonavitacola:

"Ho preso conoscenza di alcune dichiarazioni del Sindaco De Magistris, secondo cui l’abbattimento delle Vele sarebbe ritardato dalla mancata acquisizione di non ben precisate autorizzazioni regionali. In proposito è bene rimarcare che l’intervento rientra nella competenza e responsabilità dell’amministrazione comunale. La Regione può intervenire solo autorizzando il Comune, su richiesta dello stesso, all’utilizzo di un’aliquota non superiore al 25% degli alloggi messi a bando per assegnazione ordinaria, al fine di utilizzare detta aliquota per esigenze straordinarie. Non vi è alcuna sottovalutazione regionale sul carattere straordinario del programma di abbattimento delle Vele. Il problema è tutt’altro, e riguarda la corretta applicazione dell’aliquota. Il Comune aveva chiesto di assegnare sostanzialmente tutti e 50 alloggi messi a Bando (ma, allora, perché fare un Bando?) con il meccanismo della riserva, applicando l’aliquota di legge per esigenze straordinarie all’intero programma dei circa 190 alloggi, includendo nella base imponibile anche 140 alloggi che il Comune ha già destinato in mobilità e quindi al di fuori delle procedure di assegnazione ordinaria. La posizione della Regione è che l’aliquota del 25% di alloggi da utilizzare per esigenze straordinarie (tra cui può essere ben annoverato l’abbattimento delle Vele) si applica solo agli alloggi messi a Bando rivolto a tutti gli aspiranti all’assegnazione di alloggi pubblici mediante pubblica graduatoria, e non anche a quelli assegnati per mobilità (i primi 140). Quindi per la Regione, il 25 % si applica solo sui 50 alloggi messi a Bando, non su tutti i 190. In tale modo corretto si ricavano solo 12 alloggi da assegnare fuori Bando. È stato questo contrasto di posizioni con il Comune (non negligenti ritardi della Regione) a impedire fin qui la definizione della procedura. Per uscire dallo stallo, gli uffici regionali stanno redigendo un verbale che prende atto della divergenza di posizioni e che sarà sottoposto entro domani alla firma del Comune. La Giunta regionale è pronta ad approvare in tempi brevi atti legittimi sulla corretta applicazione dell’aliquota del 25%, previo parere dell’Osservatorio sulla casa. E’ riservato al Comune attivare procedure altrettanto legittime, ove necessarie per completare il programma di svuotamento delle Vele".