menu

Comunicati Stampa & Varia Umanità

31.03.2017

Accordi di genere 2014/2020: progetto Uil tra i primi in graduatoria

E’ stata da poco pubblicata sul BURC la graduatoria provvisoria dei Progetti presentati per "Accordi territoriali di genere": Por Fse Campania 2014-2020 , con 240 i progetti esaminati, di cui 97 valutati non ammissibili e 143 quelli ammissibili e finanziabili nel limite delle risorse disponibili che pari a 10ml. che dovrebbero garantire la copertura dei primi 50 progetti ammessi.
In tale ambito il progetto CON.V.IN.T.A. (Conciliazione, Voucher, Innovazione, Tempo Amico ) presentato dalla Cst Uil Avellino Benevento, quale capofila, che vede quali partners il Consorzio dei Servizi Sociali A5, La Cooperativa Sociale Mosè, L’Azienda HS Company e l’ Istituto Comprensivo Aiello de Sabato è stato dichiarato ammissibile e finanziabile tra i primi posti in una graduatoria provvisoria che vede 143 progetti di cui molti ancora suscettibili di valutazione a fronte di integrazioni documentali richieste.
L’obiettivo strategico di “CON.V.IN.TA”è mostrare i vantaggi di una programmazione di servizi per la conciliazione che sia integrata ed innovativa prevedendo il passaggio da un approccio “work friendly” ad uno “person friendly” rendendo concreto il tema e l’applicazione di misure sulla conciliazione vita-lavoro mediante sia il potenziamento di servizi già attivi, sia la creazione di nuovi al fine di aumentare la platea delle donne che possono usufruire dei servizi a sostegno delle famiglie.
L’ ammissibilità del progetto - dichiara la Responsabile delle Pari opportunità Uil Vincenza Preziosi- da continuità all’attività già esercitata col progetto a valere sul programma "Accordi territoriali di genere": Por Fse Campania 2007-2013, con cui la Uil di Avellino ha svolto l’attività a sostegno alle donne sul territorio.
Il risultato unico, per un organizzazione territoriale sindacale, dà ulteriore impulso all’azione locale di tutti i soggetti che con la UIL hanno voluto definire il percorso comune che si estrinsecherà nei prossimi due anni per garantire continuità e sostegno alle politiche di genere su un territorio che continua a registrare ancora troppe ed antiche disparità, conclude il Segretario Generale UIL Luigi Simeone.