menu

Buongiorno

16.03.2018 - Buongiorno Irpinia

Amministrative di Avellino: con questo Pd, i Cinque Stelle hanno già vinto

Buongiorno, Irpinia.
L’avevo ribattezzata la “Resistenza degli sconfitti”. Era, ed è, il tentativo disperato di non mollare la scena politica da parte di chi il 4 marzo è uscito perdente – e in che misura! – dalle elezioni del 4 marzo. Era, ed è, la sintesi plastica della condizione comune degli sconfitti: non hanno capito, o non vogliono capire, cosa è accaduto il 4 marzo.

Gli sconfitti irpini, al pari di Renzi e degli alleati scelti da Renzi, sono ancora convinti che lo tsunami Cinque Stelle sia stata una tempesta passeggera. Tant’è che la considerano già bell’e passata. E come gli “augelli” di leopardiana memoria sembrano essersi messi “a far festa”, confondendo l’apparente “quiete” del dopo voto con la fine del peggio che deve ancora arrivare.

Prendete il commissario della federazione, David Ermini. Ha preso atto che in molti comuni irpini ci sono più tesserati che elettori Pd, ovvero ha finalmente capito che in questa provincia le iscrizioni al partito sono fasulle. Ciononostante, vuole che il congresso si celebri subito. L’acqua bollente sulla scottatura, insomma. Invece di lasciare ai Pd irpini il compito di rifondarsi con tesserati “veri e trasparenti”, fa in modo che il partito si inquini più di quanto non lo sia.

Prendete, come secondo esempio, i primi approcci al problema delle imminenti elezioni amministrative nel capoluogo. Invece di fare parecchi passi indietro, gli sconfitti di prima e seconda fila – quelli del Pd e gli altri dei partiti alleati – propongono grandi e indistinte ammucchiate di centrosinistra, con due meschinissimi scopi: diluire il più possibile le responsabilità della sconfitta e sopravvivere.

C’è chi sostiene che la Grande e Santa Ammucchiata degli Sconfitti sia funzionale a vincere le elezioni amministrative al primo turno, quindi a non lasciare spazio ai Cinque Stelle per il ballottaggio. Una sciocchezza colossale: perché le amministrative, i Cinque Stelle, le hanno già vinte. Ammucchiate e pastrocchi consimili servirebbero soltanto a perdere in misura più eclatante.