menu

La Siringa

di Mila Martinetti

17.03.2018

Cenzino alla conta dei voti

A Mirabella – fortino demitiano ritenuto inespugnabile – i vecchi e nuovi galoppini di Ciriaco si stanno ancora leccando le ferite per la batosta elettorale del 4 marzo. L’apporto delle Amazzoni D’Ambrosio e Vietri è stato praticamente uguale a zero. Identico effetto ha prodotto il salto della quaglia di Giancarlo Ruggiero, ex centrodestra folgorato (per ora, anzi già per allora!) sulla via di Nusco. Più addolorato di tutti resta Cenzino: aveva promesso a Ciriaco e a Giuseppe una montagna di voti, è stato un flop. Qualche giorno fa hanno sentito Cenzino sfogarsi in chiesa con un suo fedelissimo: “Dobbiamo contare uno per uno tutti quelli che non ci hanno dato il voto”. Il commento del mio amico Nino Schena è stato: “Fanno molto prima a contare uno per uno quelli che il voto gliel’hanno dato”!