menu

La Siringa

di Mila Martinetti

05.09.2019

Dopo Cusan Gin, è la volta di Gian Luchin

C’è la possibilità di realizzare ad Avellino un monastero Shàolin. Una prestigiosa Associazione cinese, rappresentata dal presidente Chen Sihua e dall’archeologo Zhang Haoscheng, ha incontrato ieri il primo cittadino del capoluogo per avviare un percorso di collaborazione che dalla Cultura dovrebbe condurre a progetti molto interessanti in ambito commerciale e turistico. Entusiasta e felice il primo cittadino Gianluca Festa. L’ultima volta che l’Irpinia ha fatto cose buone con la Cina risale ai tempi dell’assessore provinciale Gino Cusano, da allora ribattezzato Cusan Gin. Se andrà a buon fine l’iniziativa sostenuta dal sindaco Festa, sarà doveroso un ribattesimo in vernacolo anche per lui: “Gian Luchin”.