menu

La Siringa

di Mila Martinetti

19.01.2018

Gentiloni e Famiglietti: fate voi la differenza

A meno che non cambi idea nelle prossime ore, cosa molto probabile a giudicare dalla sua storia politica ondivaga, Matteo Renzi ha detto che nel Pd non ci saranno candidature di comodo per nessuno dei deputati e senatori uscenti. Chi vuole aspirare ad un posto in Parlamento, a cominciare dal Presidente del Consiglio, deve candidarsi nei collegi e dimostrare di avere consenso. Il mio amico Marco Staglianò ha argutamente commentato su Orticalab che se la regola vale per il Capo del Governo, Paolo Gentiloni, a maggior ragione deve valere per l’irpino Luigi Famiglietti. Che dire? Marco caro, ma perché vuoi tanto male allo “statista” di Frigento?