menu

La Siringa

di Mila Martinetti

11.05.2017

Iannaccone... a prescindere

L’assessore comunale di Avellino Arturo Iannaccone, che la buonanima di Pasquale Grasso aveva bonariamente ribattezzato “Scella ‘e baccalà”, è politico decisamente molto corretto. Pensate: manca un anno alle elezioni amministrative ma lui ha avvertito il dovere di dichiarare, qui e subito, che chiunque sarà il candidato proposto dal Pd avrà il suo pieno sostegno, senza se e senza ma. L’incontinente generosità politica di Iannaccone non conosce resistenza, né di pannolini né di pannoloni. A lui non interessa sapere cosa vorrà fare, una volta sindaco, il candidato proposto dal Pd: lo appoggia e basta. Lui non vuole nemmeno sapere di quali fattezze sarà il candidato sindaco Pd. Seppure fosse un Baccalà, lui sarebbe – fedelmente e per sempre – la sua “Scella”.