menu

La Siringa

di Mila Martinetti

11.04.2017

Il “sacrificio” di Pino Rosato

L’ex direttore generale del “Moscati” ed attuale presidente dei medici irpini, Pino Rosato, non fa più mistero che da grande – cioè l’anno prossimo – vuole candidarsi a sindaco di Avellino. Accetta il “sacrificio”, però, soltanto se – come ha sostanzialmente dichiarato in un’intervista a Orticalab – persone normali, professionisti e gruppi politici glielo chiedono, insistono, lo pregano e lo supplicano. Ora, con tutto il rispetto, senza che nessuno glielo chiedesse, insistesse, pregasse e supplicasse, non si può dire che il dottor Rosato abbia fatto del “Moscati” chissà quale modello di buona sanità. Del resto, già bastano e avanzano i guai fatti ad Avellino dal sindaco Foti. Perciò, egregio presidente, come direbbe anche a Lei la buonanima di Mimì Coca-Cola: “Rosà, statt’ a casa!”.