menu

La Siringa

di Mila Martinetti

20.01.2020

Il senatore Grassi è "radioattivo"?

Il senatore Ugo Grassi, eletto in Irpinia sotto il simbolo del M5S e di recente trasmigrato nella Lega, nel giro di 48 ore ha sferrato due durissimi attacchi alla Sanità della Campania prendendo spunto dai ritardi dell’accorpamento degli ospedali di Avellino e Solofra. Bene, Bravo, Bis! In queste stesse ore le cronache nazionali hanno riferito dello scandaloso modulo sul consenso informato di un ospedale del Veneto leghista nel quale, in buona sostanza, si afferma che Napoli è radioattiva. Ora, nessuno poteva attendersi che il senatore Grassi replicasse ai veneti leghisti e razzisti come molto opportunamente, molti anni fa, in risposta allo striscione comparso allo stadio di Verona con la scritta "Vesuvio lavali con il fuoco", i napoletani esibirono al San Paolo il loro verdetto "Giulietta è ’na zoccola", sintesi spietatamente ironica del capolavoro shakespeariano. Epperó si converrà che il silenzio del senatore su questo episodio la dice lunga. Dice che, se dal M5S ha potuto andarsene spontaneamente, dalla Lega – se si azzarda a criticare i razzisti del Nord – lo cacciano a pedate.