menu

La Siringa

di Mila Martinetti

01.01.2020

L’Ato rifiuti che non rifiuta i soldi

I consiglieri dell’Ato Rifiuti hanno chiuso il 2019 modificando lo Statuto dell’Ente per riconoscere uno stipendio di 4.500 euro lordi al presidente, Valentino Tropeano, e un gettone di presenza a se stessi equiparato a quello dei consiglieri comunali del capoluogo. Tutto legittimo, per carità. Ma per un organismo che in due anni non è stato in grado di decidere nemmeno dove installare il Biodigestore dei rifiuti, la scelta di pagare addirittura la nullafacenza dei suoi rappresentanti è decisamente un’offesa al pubblico pudore. Insomma, calendario alla mano, oggi - primo gennaio 2020 - la politica irpina comincia l’anno nuovo esattamente come il peggio degli anni vecchi.