menu

Buongiorno

11.09.2019 - Buongiorno Irpinia

L’Avellino Calcio, il “Diavolo” De Cesare e i falsi Paradisi

Forse un giorno sapremo, capitolo per capitolo, senza che venga nascosto nulla, qual è la verità vera che nel giro di pochi mesi ha fatto vacillare tutte le certezze “sportive” che si erano costruite in Irpinia intorno alla figura dell’Ingegner Giannandrea De Cesare, Padrone della Sidigas, ex Mito del Basket, Salvatore dell’Avellino dall’irrilevanza del Calcio dilettantistico.

Con ogni probabilità non sarà De Cesare a raccontaci in maniera attendibile quella storia. Con ogni probabilità potremo leggerla soltanto attraverso gli atti della magistratura civile, e vogliamo sperare (per l’Ingegnere e in tutta sincerità) non anche attraverso i gradi dell’eventuale giudizio penale.

Forse un giorno sapremo.

Stando, invece, ai giorni d’oggi, a me appaiono stucchevoli e strumentali i quotidiani attacchi ai comportamenti di De Cesare nella vicenda della cessione-non cessione dell’US Avellino. Se egli dice che è disposto a vendere, passi pure che si metta in dubbio la sua volontà di farlo. Ma amplificare il dubbio, fino a farlo diventare certezza, in funzione del “prezzo minimo” imposto da De Cesare mi sembra davvero fuori luogo: diciamolo pure, un pregiudizio inaccettabile.

Un esempio concreto per tutti può aiutare a chiarire il concetto. Quando il patron dell’Avellino dichiarò la sua disponibilità a vendere, tra le offerte presentate ci fu quella dell’imprenditore D’Agostino: 500mila euro tutto compreso, un’offesa al comune senso del pudore. Tuttavia, il sindaco del capoluogo affermò pubblicamente che quella offerta era “equa”. In questi giorni la cordata Izzo ha offerto più del doppio, smentendo senza possibilità d’appello l’imprudente endorsement a D’Agostino da parte del sindaco.

Oggi De Cesare giudica insufficiente anche la proposta Izzo. Chiede almeno due milioni, evidentemente sulla base di parametri quanto meno verificabili.

E allora, la domanda è: siamo proprio certi che sia De Cesare – l’ex Mito, l’ex Salvatore – il diavolo speculatore che vuole trascinare l’Avellino Calcio nel fuoco dell’Inferno?

Suvvia, Signore e Signori: serietà!