menu

Buongiorno

01.10.2019 - Buongiorno Irpinia

La Camminata Rosa e la presenza doverosa e utile del Governatore De Luca

Hanno offerto uno spaccato umano e sociale decisamente suggestivo le diecimila e più persone che domenica sono state protagoniste della “Camminata Rosa” organizzata da Amos e Amdos, le due associazioni nate e cresciute intorno a Carlo Iannace con l’obiettivo di promuovere le campagne informative nell’attività di prevenzione del tumore al seno.

La manifestazione ha riscontrato un successo straordinario. E sono lieto di associarmi a quanti hanno voluto sottolineare l’impegno profuso da Amos e Amdos nell’azione di volontariato a sostegno delle tante donne colpite dal male. Dietro l’occasionale e sano folclore delle “Camminate Rose” c’è il sacrificio quotidiano di persone altruiste che non appaiono ma costantemente danno.

Anche per questo, ho letto con disappunto alcune sottolineature circa la inopportunità della partecipazione al corteo di alcune figure istituzionali: una per tutte, quella del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Per carità, ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni. Ci mancherebbe. Epperò è altrettanto legittimo, doverosamente spiegando, controbattere con opinioni di segno opposto.

Il sottoscritto, ad esempio, è del parere che la presenza di De Luca fosse non soltanto opportuna quant’ anche e soprattutto doverosa e necessaria. Doverosa perché la “Camminata Rosa” non è una passeggiata per sgranchirsi le gambe ma ben altro: è una testimonianza, un invito corale a tenere alta la guardia, con la prevenzione appunto, contro uno dei più subdoli e aggressivi “nemici” della Salute. Necessaria perché, fino a prova contraria, il presidente della Regione è l’autorità istituzionale territoriale che di fatto “finanzia” la ricerca ed ogni altra attività funzionale alla prevenzione in campo sanitario.

Altro sono le esibizioni e le speculazioni di natura elettoralistica. Questa è roba seria. E sarebbe strumentale e disgustoso mettere in dubbio la genuinità dell’impegno di De Luca in tutte le cose che riguardano la Sanità. Si può essere d’accordo o meno con le scelte che fa il Governatore nelle politiche sanitarie, se ne può aspramente criticare la qualità. Ma sarebbe disonesto metterne in dubbio la volontà di fornire ai cittadini la migliore assistenza possibile.