menu

La Siringa

di Mila Martinetti

18.03.2017

La camorra politica irpina

Il Procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti ha spiegato ieri il grande salto di qualità fatto dalla camorra negli ultimi anni. I clan entrano in rapporto con la pubblica amministrazione e le istituzioni non più con l’intimidazione ma con la corruzione: si paga, si corrompe, si creano aree di collusione senza ricorrere alla violenza. Ci perdonerà il Procuratore Roberti, ma questa pratica è stata introdotta dalla camorra politica irpina almeno da mezzo secolo. Per di più, a differenza della camorra propriamente detta, la camorra politica irpina, per fare affari, non paga ma si fa addirittura pagare. Insomma, al confronto, e in questa specialità, i Casalesi sono dilettanti.