menu

Buongiorno

23.05.2017 - Buongiorno Irpinia

Luigi Moio da stasera cittadino onorario di Mirabella Eclano

Buongiorno, Irpinia. Questa sera il Consiglio comunale di Mirabella Eclano conferirà la cittadinanza onoraria a Luigi Moio, ordinario di Enologia alla Federico II di Napoli e tra i maggiori esperti del settore in Europa e nel mondo.
E’ bello sapere che l’iniziativa del sindaco e della giunta sarà accolta all’unanimità dal massimo consesso civico. E’ un segnale di sincera gratitudine verso il professor Moio da parte della rappresentanza istituzionale di un’intera comunità. E Luigi Moio lo merita senza alcuna indulgenza alla retorica. Perché le onorificenze di questo genere vengono concesse a persone che attraverso le loro virtù – nei diversi campi dell’attività umana – rendono più alto il prestigio di una comunità.
E’ esattamente ciò che ha fatto il professor Moio da quando, anni fa, ha trasferito la sua residenza a Mirabella Eclano. Qui ha impiantato un vigneto e realizzato una cantina di grande valenza innovativa. Qui ha integrato e sperimentato, sul terreno pratico, molte delle sue ricerche in campo enologico. Qui ha prodotto uno tra i vini più apprezzati sulle tavole che contano e che ha voluto chiamare, come la cantina, “Quintodecimo”, nome antico della città di Mirabella Eclano.
Non è esagerato affermare che, proprio grazie al prestigio della sua figura di ricercatore in campo enologico, Luigi Moio è oggi è il “naturale” Ambasciatore di Mirabella Eclano in molti Paesi del mondo.
Perdonatemi una orgogliosissima digressione personale, esercizio autocelebrativo al quale non sono peraltro aduso.
Sono in qualche modo “responsabile” del conferimento della cittadinanza onoraria al professor Moio. Pochi mesi fa, infatti, ebbi il piacere (e l’onore) di presentare il volume di Moio, “Il Respiro del vino”, edito da Mondadori, nella splendida cornice di Villa Orsini a Passo di Mirabella. Ospiti dell’evento erano – oltre al professore, naturalmente – il sindaco di Mirabella Eclano, Francescantonio Capone, e l’assessore alla Cultura, Agnese Vietri. Fu nel bel mezzo del dibattito che provocai gli amministratori comunali proponendo la onorificenza ad una personalità dello spessore professionale, culturale ed umano di Luigi Moio. La proposta incrociò il favore dell’applauso delle circa quattrocento persone presenti e l’immediato “Sì” del sindaco e dell’assessore.
Va dato atto al Sindaco Capone e all’assessore Vietri di aver mantenuto l’impegno che questa sera verrà formalizzato dal Consiglio comunale. Ne sono doppiamente felice: per essere un sincero estimatore del professor Moio, e per essere – io stesso – orgogliosamente “mirabellano”.