menu

Buongiorno

04.04.2018 - Buongiorno Campania

Niente assessorati regionali per Tartaglione, Paris e De Mita

Buongiorno, Campania.
Parafrasando il Sommo Poeta, si potrebbe dire: “Lasciate ogni speranza, voi che... aspettate…”!

Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, non lo ha detto, ma di fatto lo pensa, e così accadrà.

Il senso compiuto del suo pensiero è il seguente: “Lasciate ogni speranza voi che aspettate la nomina ad assessori regionali. Non mi importa se vi abbia segnalati Tizio o Caio o Sempronio. E non m’importa nemmeno se la segnalazione sia arrivata dal Nazareno od anche, faccio per dire, da Nusco. I trombati alle politiche del 4 marzo non faranno parte del mio esecutivo mai e poi mai. E lascino ogni speranza anche i consiglieri regionali: nessuno di loro entrerà in giunta. Il rimpasto? Farò un rimpastino. La delega all’Ambiente, attualmente in capo al mio Vice, Fulvio Bonavitacola, sarà assegnata ad un esterno. Bonavitacola dovrà fare il Vice a tempo pieno. E ad un esterno assegnerò anche la delega all’Agricoltura, che fino ad oggi ho di fatto tenuto per me. Anch’io devo fare il presidente a tempo pieno. Io e il mio Vice abbiamo una montagna di lavoro da sbrigare. Questi 26 mesi che restano saranno di fuoco, il cuore della mia Rivoluzione”.

Insomma, De Luca ha deciso ed ha sgombrato il campo da tutte le voci che si sono rincorse dal 4 marzo in poi. Il rimpasto? Certo. Ma nominerà, per i suddetti assessorati, due personalità di altissimo prestigio. I nomi? Non li conosce ancora nessuno. Il Governatore vuole andare incontro alla richiesta di rimpasto, appunto, arrivata dal gruppo Pd e dagli alleati. Ma niente deroghe al suo principio: no ai trombati del 4 marzo, no alla lunga fila di consiglieri regionali in attesa della poltrona più importante.

Dopo le politiche, si erano fatti i nomi di Valentina Paris, Giuseppe De Mita e Assunta Tartaglione per gli incarichi in giunta, magari a loro stessa insaputa. De Luca ha voluto mettere fine a questo stillicidio facendo filtrare il senso delle sue reali ed inamovibili intenzioni.

A quando il rimpasto? Probabilmente agli inizi di maggio, in coincidenza con gli Stati Generali della Regione Campania.