menu

Buongiorno

10.08.2017 - Buongiorno Italia

Nord V/s Sud. Indecente (da noi) votare Lega

Buongiorno, Italia: anzi, per oggi, soltanto Mezzogiorno d’Italia!
Le nuove politiche governative guardano un po’ più al Sud e il Centro-Nord si ingelosisce.
Lo ha scritto ieri per “Il Mattino” Nando Santonastaso. Il quale è un ottimo giornalista, per cui va preso sul serio. Io mi fido delle sue notizie. E condivido appieno le sue analisi.
In buona sostanza, il “fatto” è il seguente. Effettivamente, da Renzi in poi il governo centrale ha avviato politiche più proficue per le regioni meridionali. Risparmio ai lettori e a me stesso il copia e incolla degli interventi finanziari programmati e delle agevolazioni previste nel decreto Mezzogiorno. Trovate tutto nell’edizione di mercoledì 9 agosto del quotidiano napoletano.

Vorrei qui sottolineare, piuttosto, come certe “gelosie” del Cenro-Nord siano cicliche. E come identici siano i comportamenti dei politici, specie del Nord e della Lega in modo particolare, nelle diverse circostanze che si presentano.
Oggi sostengono che il Sud non sa spendere, che spreca, che fa scandalo per ogni euro che mette in cantiere. Ieri, dopo il terremoto del novembre ‘80, dicevano le stesse cose ancor prima che i cantieri si aprissero e gli scandali (quelli veri) cominciassero. Va sottolineato che gli scandali (quelli veri) di allora recavano tutti il nome e il cognome delle imprese del Nord. Basta poco per capire che dal Nord – ieri come oggi – abbiamo ricevuto la beffa oltre al danno.
In una logica cinicamente campanilistica di interessi materiali, e che interessi!, questo gioco al massacro del Sud ci potrebbe anche stare. Non può assolutamente starci, invece, che alle latitudini del Sud, come in Campania e perfino in Irpinia, ci siano persone che tifano Lega Nord e che siano pronte a candidarsi – qui nel Sud – con la Lega Nord.

E’ del tutto evidente che lo fanno per tentare di portarsi le chiappe in Parlamento. Ma ritengo, per le cose che le cronache politiche ed economiche quotidianamente restituiscono, che ciò sia semplicemente indecente.

Ogni tanto fa bene essere meridionalisti ad oltranza, fieri “Ultras del Sud”.
Questo è uno di quei casi.