menu

Buongiorno

20.05.2017 - Buongiorno Irpinia

Paradossi all’italiana: le Province restano ma senza soldi

Buongiorno, Irpinia. Ha fatto bene a mettere le mani avanti il presidente dell’Amministrazione provinciale di Avellino, Mimmo Gambacorta. Ha fatto bene a denunciare – assieme agli altri presidenti delle Province italiane – l’ennesimo paradosso italiano. Che è il seguente: le Province dovevano scomparire ma poi, per le note vicende, non sono più scomparse; epperò Governo e Parlamento si comportano – scusate il bisticcio – come se fossero effettivamente scomparse. E così, mentre restano in capo ad esse competenze istituzionali di sicuro rilievo e soprattutto onerose, le relative risorse finanziarie hanno subito un taglio di ben tre miliardi d euro in tre anni.
Insomma, per dirla in clericale, si pretendono le messe cantate “a gratis”.
Ad esempio, per andare sul pratico, la Provincia di Avellino mantiene la competenza di una rete stradale di ben 1600 chilometri ma dovrebbe provvedere a tenerla in ordine con gli spiccioli. Un capolavoro di insensatezza le cui conseguenze, naturalmente, vengono pagate dai cittadini.
Gambacorta – si diceva – ha lanciato l’allarme prima ancora che il problema esplodesse, l’altro ieri a Roma, nel corso dell’assemblea della Unione Province Italiane cui hanno partecipato anche moltissimi sindaci. La richiesta avanzata al Parlamento è una sostanziale modifica al famigerato decreto legge 50 sugli enti locali. In mancanza, per stare alle cose di casa nostra, non sarà possibile approntare il Bilancio 2017. Con conseguenze immediate e drammatiche soprattutto per le scuole superiori. Alla manutenzione degli edifici in cui sono ospitate, oltre che al pagamento dei servizi primari, infatti, provvede l’Amministrazione provinciale. E il presidente Gambacorta lo dice senza giri di parole: se la situazione non si sblocca, l’anno scolastico 2017-2018 rischia grosso.
Non è per alimentare polemiche: ma se studenti e famiglie non fanno ora marce di protesta di fronte ad un paradosso del genere, quando?