menu

La Siringa

di Mila Martinetti

11.02.2019

San Modestino visto da Monsignor Aiello

San Modestino, Patrono di Avellino, è ora rappresentato in una statua nuova di zecca, opera degli eccellenti artigiani di Ortisei. Il simulacro è stato benedetto dal vescovo Arturo Aiello. Il quale ha dottamente spiegato anche l’importanza di poter disporre finalmente di una riproduzione così ben fatta. “La devozione per San Modestino è debole – ha detto Monsignor Aiello – perché è mancata fino ad oggi una immagine da patinare con la preghiera, da toccare, da incensare, da portare in processione... La nuova statua è una possibilità ulteriore offerta alla comunità per trovare un punto di comunione”. Sante parole. Epperò, Monsignore: allora non è vero che l’abito non fa il monaco?