menu

Comunicati Stampa & Varia Umanità

09.02.2017

Settimana della flessibilità: visita in Comune degli studenti del Liceo “Publio Virgilio Marone” di Avellino

Una delegazione di studenti delle prime classi del Liceo “Marone” di Avellino, durante la Settimana della flessibilità, nell’ambito del progetto sulle Istituzioni locali, nella mattinata di mercoledì 8 febbraio hanno visitato la Biblioteca comunale e la sede del Comune di Avellino.
Gli alunni, accolti dall’Assessore alla cultura e alla pubblica istruzione Bruno Gambardella e dalla funzionaria comunale Amalia Leo, hanno potuto visitare le varie sale del Municipio di Piazza del Popolo – dalla Sala Consiliare all’Anagrafe, dalla Sala Stampa alla stanza del Sindaco dove si tengono anche le Giunte – e fare domande sulle varie attività svolte dal loro Comune. In particolare i ragazzi si sono intrattenuti nell’Aula del Consiglio comunale e seduti sulle poltrone degli assessori hanno rivolto vari interrogativi proprio sull’attività della Massima Assise cittadina, su come si svolge, su chi vi partecipa, sulla funzione degli assessori e dei consiglieri comunali e sul ruolo dei giornalisti e dei vari addetti ai lavori.

“Insomma una iniziativa molto utile che ha consentito agli studenti di vedere sul campo come è strutturato l’Ente e come funziona il Consiglio Comunale – ha commentato soddisfatto l’Assessore Gambardella – i ragazzi hanno infatti potuto comprendere in tempo reale il ruolo dell’Amministrazione distinguendo la fase della gestione dei servizi da quella della gestione politica e dei programmi. Un ringraziamento particolare – ha proseguito il delegato alla pubblica istruzione di Palazzo di Città – sento di farlo a nome dell’Amministrazione alla dirigente del Liceo Marone professoressa Santulli che con l’iniziativa della settimana della flessibilità permette agli alunni di lavorare a classi aperte e a progetti interdisciplinari, e alle professoresse Pacilio e Basso che hanno curato il progetto sule Istituzioni locali. Inoltre ringrazio la consigliera comunale Barbara Matetich per aver reso possibile tale incontro, certamente formativo per gli studenti del Liceo Marone”.