menu

Buongiorno

06.03.2019 - Buongiorno Irpinia

Sua Eccellenza il “Moscati”

Ieri, nel corso dell’intervento alla presentazione del Centro Oncologico del “Moscati”, il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto bene a sottolineare il valore emblematico dell’eccellenza rappresentata dalla Città Ospedaliera di Avellino. Egli ha raccontato una realtà che è un vero fiore all’occhiello della sanità regionale. Eccellenza per la qualità dei servizi forniti, nonostante carenze di organico che costringono a sacrifici decisamente non dovuti. Eccellenza per il livello di professionalità degli operatori. Eccellenza per l’alto grado di civiltà ambientale dell’accoglienza.

Dietro i risultati raggiunti c’è un impegno davvero encomiabile del management e di tutti gli operatori: dai primari ai dirigenti medici, dagli infermieri ai portantini, dagli amministrativi ai consulenti esterni. Un plauso al personale del “Moscati”, nessuno escluso, dunque: da chi ci lavora da una vita agli ultimi arrivati.

Attenzione, però. De Luca ha anche avvertito contro il rischio che quanto è stato messo su in tanto tempo e con tanta tenacia possa andare distrutto in pochi mesi se si abbassa la guardia, se il “rigore tedesco” che ha contrassegnato i comportamenti lavorativi sin qui tenuti non diventa “cultura ordinaria” del modo d’essere e di agire.

C’è la possibilità concreta che il “Moscati”, definito da De Luca “eccellenza italiana, non solo campana”, possa rappresentare – ancora emblematicamente – l’inizio della “seconda rivoluzione” della sanità regionale: la rivoluzione della qualità dei servizi alla persona, l’umanizzazione dell’assistenza. Una bella sfida.