menu

Buongiorno

22.09.2017 - Buongiorno Irpinia

Toh: se rubi alle Poste non perdi il posto!

Buongiorno, Irpinia.
Può dormire sonni tranquilli l’impiegata delle Poste di Grottaminarda che è finita agli arresti domiciliari per aver sottratto soldi ai libretti di risparmio di diversi pensionati. Si fidavano di lei: della sua grande disponibilità, della cortesia condita di sorrisi e abbracci e baci. E lei, secondo l’accusa, tra maggio e settembre di quest’anno, ha continuato imperterrita a fregarli.

Può dormire sonni tranquilli, quell’impiegata, perché ci sono molte probabilità che alla fine se la caverà con qualche piccolo "fastidio" giudiziario, ma conserverà il posto di lavoro, come (forse) non dovrebbe avvenire in un Paese civile.
Certo, per ora è stata sospesa. E ci mancherebbe: non avendo il dono dell’ubiquità, non potrebbe stare contemporaneamente dietro il banco dell’ufficio postale e agli arresti domiciliari.
Certo, a suo carico – garantisce la Procura di Benevento – ci sono prove schiaccianti meticolosamente raccolte dagli investigatori di questa operazione azzeccatamente battezzata "Easy Money" , soldi guadagnati (?) facilmente.
E certo, il Gip ha pensato benissimo di accogliere la richiesta, avanzata dalla Procura, di sequestro preventivo delle somme sottratte a quegli anziani sfortunati.
Ma c’è un precedente giudiziario fresco di giornata che sembra configurarsi come un’assicurazione – diciamo così – antifurto a totale garanzia del posto di lavoro di chi ruba. È la sentenza della giudice del lavoro del Tribunale di Chieti, Ilaria Pozzo. La quale ha sancito che un impiegato delle poste di quelle parti, che aveva sottratto nel tempo ben 15mila euro alla cassaforte dell’Ufficio, non poteva essere licenziata perché il provvedimento doveva intervenire subito e non dopo la sentenza di condanna penale.

Poco ci è mancato, insomma, che il mariuolo delle Poste di Chieti non venisse addirittura premiato.
Quella giudice avrà certamente applicato la legge. Ma la domanda nasce spontanea: che legge è mai questa? Ci manca soltanto che tolgano la pensione ai vecchietti truffati perché troppo... disattenti.