menu

Buongiorno

24.09.2019 - Buongiorno Irpinia

Una Greta Thunberg in ogni paese d’Irpinia

Ieri a New York, al vertice Onu sul clima, Greta Thunberg si è rivolta ai leader del mondo con parole vere, semplici ma durissime: “Gli occhi delle future generazioni sono su di voi. Non vi lasceremo farla franca, il mondo si sta svegliando, e il cambiamento arriverà, che vi piaccia o no”.

Come si legge nella sintesi di prima pagina del Corriere della Sera on line, la sedicenne svedese, “che è riuscita a trasformare il suo sciopero settimanale per l’ambiente in un movimento globale, ha apostrofato duramente i rappresentanti dei governi che partecipano al Climate Summit”.

Leggete quest’altro passaggio dell’intervento: “Tutto questo è sbagliato, io non dovrei essere qui, dovrei essere a scuola dall’altra parte dell’Oceano. Eppure voi vi rivolgete a noi giovani per avere speranza. Come osate? Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote. E io sono una delle più fortunate”.

A fronte delle “parole vuote” degli “adulti” che governano il mondo, quelle di Greta appaiono “parole di pietra”. Come le altre, ancora più dure, pronunciate appena qualche giorno fa e subito diventate “manifesto” della rivoluzione pacifica globale degli adolescenti: “Noi giovani siamo uniti e inarrestabili”.

Ho letto e riletto il messaggio di Greta. E da adulto, per quel poco che il mio mestiere mi concede di fare, ho avvertito un profondo senso di impotenza e di inutilità. I tanti adulti che fanno il mio mestiere (io per primo) non sono mai riusciti a trovare le parole giuste – non per salvare il clima del mondo – ma nemmeno per contribuire a frenare i barbari – della politica e della cosiddetta società civile – che da anni stanno distruggendo l’ambiente della nostra Irpinia, meno di un granello di sabbia della Terra.

Al punto in cui sono giunte le cose anche da queste parti, non ci resta che sperare nel pensiero e nell’azione dei nostri adolescenti: una Greta in ogni paese della nostra provincia. Per salvare l’Irpinia.