menu

La Siringa

di Mila Martinetti

03.09.2022

Letta ha ragione, ma trascura un dettaglio

Verso le elezioni del 25 settembre. Enrico Letta “ciclone” alla Festa dell’Unità a Milano.
Ha detto: “Non ci faremo riportare dal centrodestra alla bancarotta del 2011… L’ultima volta il Premier era Berlusconi che si ricandida, il ministro dell’Economia era Giulio Tremonti e la ministra alle Politiche giovanili si chiamava Giorgia Meloni. Quel governo è durato tre anni. Ha fatto salire il debito pubblico, ha fatto scendere la ricchezza degli italiani, ha portato la disoccupazione giovanile dal 21 al 31 per cento e fu costretto a dimettersi perché stava portando l’Italia alla bancarotta. Agli italiani diciamo: non torniamo al 2011”.
Tutto vero, Onorevole Letta. Manca però la risposta ad una domandina semplice-semplice e decisamente retorica, la seguente: “Perché mai - dopo dieci anni di governi quasi tutti di centrosinistra - nei sondaggi il centrodestra sfiora il 50 per cento e la Meloni, da sola, è cresciuta dal niente al 25%?".